home > associazioni > ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA > FIPE > News > CANONE SPECIALE RAI PER I PUBBLICI ESERCIZI

CANONE SPECIALE RAI PER I PUBBLICI ESERCIZI

Permane per i pubblici esercizi l'obbligo di pagamento del canone speciale RAI tramite i bollettini di c/c postale.

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi continua a perseguire l'obiettivo di ridurre tale obbligo tributario, chiedendo l'aggiornamento degli anacronistici criteri di calcolo ancorati alla classificazione dei pubblici esercizi secondo le categorie previste dal DM del 22 luglio 1977 e sollecitando la possibilità di introdurre abbonamenti che tengano conto delle specifiche esigenze delle attività commerciali, introducendo canoni su base mensile/bimestrale/stagionale. 

Occorre poi segnalare che la RAI, anche grazie all’intervento di sensibilizzazione da parte della Federazione, sta applicando esclusivamente la tariffa relativa alla categoria D concernente i pubblici esercizi di terza e quarta categoria (la più bassa attualmente prevista per la categoria rappresentata).
Si rammenta che la recente modifica normativa introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 in materia di canone televisivo e l’introduzione della riscossione con addebito sulle fatture relative all’utenza elettrica, si riferisce solo al canone per le abitazioni private e non invece a quello speciale per i pubblici esercizi, per il quale resta in vigore la tradizionale modalità di pagamento attraverso i bollettini di c/c postale che la RAI invia alle imprese prima della scadenza.

E’ bene, altresì, ricordare che:

  • il presupposto impositivo è la mera detenzione di un apparecchio radio o TV, anche se destinato a usi diversi dalla visione della programmazione radiotelevisiva (ad esempio apparecchi televisivi utilizzati per la proiezione di immagini pubblicitarie);
  • il canone ha validità limitata all’indirizzo indicato nell’intestazione;
  • vi è l’obbligo, per le imprese e le società, di indicare nella dichiarazione dei redditi il possesso di apparecchi radio o TV ed il relativo numero di canone

Per ogni ulteriore chiarimento, la Direzione Canone Rai mette a disposizione vari canali di contatto fra cui il numero verde 800.93.83.62, gli sportelli al pubblico delle Sedi Regionali RAI, nonché il sito web www.canone.rai.it.

FIPE invita le Associazioni a sollecitare i propri associati al corretto pagamento del canone speciale, anche informandoli che l’inadempimento può comportare l’irrogazione di sanzioni pecuniarie.