home > news > NEWS > BANDO ECOBONUS PER LA SOSTITUZIONE DI VEICOLI PRIVATI INQUINANTI M1*

BANDO ECOBONUS PER LA SOSTITUZIONE DI VEICOLI PRIVATI INQUINANTI M1*

Con l’approvazione della DGR n. 80/2019 recante “Bando ecobonus per la sostituzione di autoveicoli privati di categoria M1 soggetti alla limitazione della circolare di cui al PAIR 2020” la Regione Emilia Romagna stanzia 5.000.000,00 di euro per incentivare la sostituzione di veicoli inquinanti M1[1].
Attraverso questa nuova misura a partire dal 15 febbraio e fino al 24 maggio 2019 possono presentare domanda per ottenere i contributi i cittadini che sono:

  • Residenti in un Comune dell’Emilia Romagna;
  • Proprietari alla data del 1° gennaio 2019 di un’autovettura di categoria M1 con alimentazione diesel fino ad euro 4 benzina fino ad euro 1 da destinare alla rottamazione;
  • Con ISEE del nucleo famigliare a 35 mila euro l’anno;
  • Che non abbiano riportato, nei 5 anni precedenti alla presentazione della domanda condanne penali.

Gli investimenti ammissibili riguarderebbero l’acquisto di un’autovettura M1 di prima immatricolazione ad esclusivo uso privato[2] ad alimentazione elettrica, ibrida benzina/elettrica euro 6, metano (mono o bifuel benzina) Euro 6 e GPL (mono e bifuel benzina) Euro 6.

L’entità de contributo viene determinata in funzione della tipologia della nuova autovettura che si intende acquistare ed è cumulabile rispetto ad altre iniziative sia private che pubbliche attivate per incentivare la mobilità sostenibile; pertanto al contributo regionale oggetto del bando è abbinabile anche con lo conto del 15%  sul prezzo di listino del modello base che, le Associazione firmatarie del Protocollo di intesa sottoscritto dalla Regione Emilia Romagna (cfr DGR 1709 del 15 ottobre 2018) ANFIA UNRAE E FEDERAUTO, si sono impegnate ad applicare alla tipologie di veicoli ammessi ai bandi regionali.

 

 
[1] Veicoli M1, tutti i veicoli progettati e costruiti per il trasporto di persone, aventi al massimo otto posti altre al sedile del conducente
[2] Per esclusivo uso provato è da intendersi che non sono ammesse autovetture ad uso pubblico (es. taxi) o veicoli che, anche se intestati a persone fisiche, sono strumentali ad un attività di impresa (esempio per imprese individuali).