home > news > NEWS > Bando Regione Emilia Romagna contributi per le attività professionali

Bando Regione Emilia Romagna contributi per le attività professionali

Si tratta di contributi a fondo perduto per progetti riguardanti soluzioni Ict per le attività delle libere professioni e l’implementazione di servizi e di soluzioni avanzate in grado di incidere significativamente sull’organizzazione interna, sull’applicazione delle conoscenze, sulla gestione degli studi e sulla sicurezza informatica.

SCADENZA DEL BANDO
La trasmissione della domanda di contributo dovrà essere effettuata, entro le seguenti scadenze:
- dalle ore 10.00 del giorno 3 maggio 2017, fino alle ore 17.00 del giorno 31 maggio 2017.
- dalle ore 10.00 del giorno 12 settembre 2017, alle ore 17.00 del giorno 10 ottobre 2017.

MISURA DEL CONTRIBUTO
L’agevolazione è concessa nella misura del 40% dell’investimento ritenuto ammissibile innalzabile al 45%, fino ad un massimo di 25.000,00 €.

SOGGETTI BENEFICIARI
- Liberi professionisti ordinistici
- Liberi professionisti non ordinistici

REQUISITI GENERALI DI AMMISSIBILITÀ DEI RICHIEDENTI
I singoli richiedenti devono possedere questi requisiti:
- avere sede legale o unità operativa nel territorio regionale
- non essere lavoratori dipendenti (in qualsiasi forma, sia a tempo indeterminato che determinato, sia a tempo pieno che a tempo parziale) o pensionati
- svolgere l’attività professionale al momento della domanda;
- essere costituite tra professionisti che svolgono l’attività professionale al momento della domanda; (solo per le associazioni tra professionisti)
- essere attive e non trovarsi in stato di liquidazione (anche volontaria) e non essere soggetti a procedure di fallimento, di concordato preventivo, amministrazione controllata o altre procedure concorsuali o di Organismi di composizione della crisi ex L. 4/2012 per sovraindebitamento; (solo nel caso di società tra professionisti, di società di professionisti e di ingegneria di cui all’articolo 46, comma 1, lettere b e c del D.Lgs n. 50/2016)

TIPOLOGIA DI INTERVENTI
Sono ammessi interventi da realizzare sul territorio regionale finalizzati all’introduzione di strumenti informatici e telematici avanzati e alla loro integrazione con l’organizzazione professionale/aziendale, in particolare:
A. Interventi per l’Innovazione tecnologica
B. Interventi per la strutturazione, l’organizzazione e il riposizionamento strategico delle attività libero professionali
C. Interventi per diffusione della cultura dell’organizzazione e della gestione/valutazione economica dell’attività professionale

DIMENSIONE MINIMA DEI PROGETTI
I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere una dimensione minima
di investimento pari a complessivi € 15.000,00

SPESE AMMISSIBILI
a) acquisto di attrezzature, infrastrutture informatiche, tecnologiche, digitali finalizzate alla realizzazione a titolo esemplificativo di piattaforme, siti web, al miglioramento della connettività di rete, alla digitalizzazione e la dematerializzazione dell’attività, la sicurezza informatica, la fatturazione elettronica, il cloud computing, il business process, compresa la strumentazione accessoria al loro funzionamento;
b) spese per l’acquisizione di brevetti, licenze software e di servizi applicativi necessari al conseguimento degli obiettivi dell’intervento, o altre forme di proprietà intellettuale;
c) Interventi accessori, anche di carattere edilizio, strettamente necessari alla realizzazione del progetto, nel limite massimo di 5.000 euro;
d) spese per l’acquisizione di consulenze specializzate per la realizzazione del progetto nella misura massima del 30% della somma totale delle altre voci di spesa.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI TI INVITIAMO A CONTATTARCI ALLO 0523 461811 O TRAMITE MAIL A