home > news > NEWS > POSTICIPATO IL DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DELLE AUTO DIESEL EURO 4

POSTICIPATO IL DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DELLE AUTO DIESEL EURO 4

Unione Commercianti e FNAARC Piacenza, dopo i numerosi interventi e l’impegno dimostrato possono finalmente dichiarare che il divieto di circolazione delle auto diesel euro 4 è stato posticipato. Notizia positiva per il nostro territorio preoccupato per un provvedimento che avrebbe potuto incidere negativamente sull’economia.

Il Presidente della Regione Stefano Bonaccini dichiara che “dopo aver ascoltato i territori e d’accordo con la stragrande maggioranza dei sindaci dei 30 Comuni firmatari il Piano, togliamo il divieto di circolazione per i diesel euro 4”. Come spiega il Presidente la decisione di posticipare il divieto, che entrerà in vigore nel 2020 anche in Piemonte, Lombardia e Veneto, non distoglie l’attenzione sulla salute e sull’ambiente. Infatti, verranno attivate misure ancora più restrittive in caso di sforamento dei livelli di smog nelle città, oltre alle già conosciute domeniche ecologiche. L’obiettivo è quello di incentivare i cittadini a cambiare ad investire in veicoli meno inquinanti per difendere la salute di tutti. A tal proposito la Regione ha deciso di stanziare 5 milioni di euro per la rottamazione dei veicoli dei privati cittadini e si chiede al Governo un aiuto concreto per favorire il ricambio del parco circolante.

Questa importante decisione è emersa durante la riunione svoltasi lunedì 8 ottobre presso la Regione insieme al Presidente della Regione Bonaccini, all’assessore regionale all’Ambiente Paola Gazzolo e ai 30 Comuni che aderiscono al Piano aria integrato regionale 2018-2020. Durante la riunione è stato confermato invece che rimangono in vigore le altre misure per migliorare la qualità dell’aria per i Comuni che hanno sottoscritto il Pair 2020 con il blocco della circolazione dei veicoli diesel fino all’euro 3, benzina fino all’euro 1 e i ciclomotori pre-euro. Tali divieti, in atto dal 1 ottobre, si applicano dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 18.30, durante le domeniche ecologiche e ad ulteriori domeniche in caso di superamento per più di 4 giorni dei livelli di pm 10 nell’aria.