home > news > DISPOSIZIONI NORMATIVE - CORONAVIRUS > L'EMILIA-ROMAGNA IN ZONA ARANCIONE DAL 21 FEBBRAIO

L'EMILIA-ROMAGNA IN ZONA ARANCIONE DAL 21 FEBBRAIO

L'Emilia Romagna torna in zona arancione. Questo accadrà a partire da domenica 21 febbraio. Lo diventerà con l'ordinanza sui nuovi colori delle regioni italiane che firmerà in giornata il ministro della Salute

da DOMENICA 21 FEBBRAIO

ZONA ARANCIONE

COMMERCIO AL DETTAGLIO

- Le attività COMMERCIALI AL DETTAGLIO si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.
- È fatto obbligo nei locali pubblici e aperti al pubblico, nonché in tutti gli esercizi commerciali di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
- Le attività che effettuano esclusivo servizio di ASPORTO hanno la possibilità di effettuare servizio di asporto fino alle ore 22.00 ad eccezione della vendita d'asporto di bevande che non può essere effetuata oltre le ore 18.00

MEDIE E GRANDI STRUTTURE, CENTRI COMMERCIALI, GALLERIE COMMERCIALI, PARCHI COMMERCIALI

Sono consentite le aperture per le MEDIE e GRANDI STRUTTURE.
Sono consentite le aperture CENTRI COMMERCIALI, MERCATI, GALLERIE COMMERCIALI, PARCHI COMMERCIALI durante la settimana ad eccezione delle giornate PREFESTIVE e FESTIVE nelle quali sarà consentita l'apertura solo per farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole.

MERCATI E COMMERCIO SU AREA PUBBLICA

Per le giornate festive e prefestive, ai sensi delle disposizioni di legge su tutto il territorio nazionale sono applicabili ad eccezione delle zone rosse le seguenti disposizioni:
- i mercati restano aperti per tutte le merceologie;
- sono altresì consentite le altre attività di commercio su aree pubbliche che si svolgono su posteggi isolati o in forma itinerante;
- restano invece chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati coperti, ad eccezione dei punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici;
- resta anche sospesa, nelle stesse giornate, la ristorazione mobile con consumo sul posto; 

RISTORANTI BAR ASPORTO

- Sono sospese le attività dei servizi di RISTORAZIONE (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie).
- È consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto.
- Le attività di CAFFE' BAR, avente come CODICE ATECO prevalente il gruppo 56.3 hanno la possibilità di effettuare servizio di asporto fino alle ore 18.00, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
- Le attività di RISTORAZIONE, avente come CODICE ATECO prevalente il gruppo 56.10 hanno la possibilità di effettuare servizio di asporto fino alle ore 22.00, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
- È obbligatorio per gli esercenti esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.
- Restano consentite le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida diretti a prevenire o contenere il contagio.
- Restano aperti gli esercizi di somministrazione siti in ospedali, aeroporti, porti, interporti e nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade e gli itinerari europei E45 e E55 con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.
- Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.

SALE SLOT, SALE BINGO E SALE SCOMMESSE

- Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò anche se svolte all'interno di locali adibiti ad attività differente.