home > news > DISPOSIZIONI NORMATIVE - CORONAVIRUS > DPCM 03 DICEMBRE 2020

DPCM 03 DICEMBRE 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 3 dicembre contenente le nuove misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Di seguito le principali misure messe in campo per il settore commercio e spostamenti per le tre diverse zone.
Di seguito è possibile scaricare il DPCM del 03.12.2020 e le slide riassuntive.

ZONA GIALLA

BAR E RISTORANTI
Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00;
Massimo quattro persone per tavolo, a meno che siano tutti conviventi;
Dopo le ore 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico;
Dalle ore 18.00 del 31 dicembre 2020 e fino alle ore 7.00 del 1° gennaio 2020, la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive è consentita solo con servizio in camera;
Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio.
Ristorazione con asporto consentita fino alle ore 22.00 con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

ATTIVITÀ COMMERCIALI AL DETTAGLIO
Fino al 6 gennaio 2021 l’esercizio delle attività commerciali al dettaglio è consentito fino alle ore 21.00;
Nei giorni festivi e prefestivi sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali, aggregazioni di esercizi commerciali a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, ed edicole.

MUSEI, CINEMA E TEATRI, PISCINE E PALESTRE
Restano sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi.
Restano chiuse piscine e palestre, teatri e cinema.

SALE GIOCHI
Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

CONGRESSI ED EVENTI
Restano sospesi i convegni e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza;
Le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e in assenza di pubblico;
Le riunioni nell’ambito delle pubbliche amministrazioni continuano a svolgersi in modalità a distanza; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.

ZONA ARANCIONE

ALLE AREE ARANCIONI SI APPLICANO ANCHE LE ALTRE MISURE NAZIONALI SEMPRE CHE PER QUESTI TERRITORI NON SIANO PREVISTE MISURE ANALOGHE E PIÙ RESTRITTIVE.

BAR E RISTORAZIONE
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) 7 giorni su 7, ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli diretti a prevenire o contenere il contagio.
Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio. Ristorazione con asporto consentita fino alle ore 22.00.
Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

ZONA ROSSA

BAR E RISTORANTI
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) 7 giorni su 7, ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli diretti a prevenire o contenere il contagio.
Nessuna restrizione per la ristorazione con consegna a domicilio.
Ristorazione con asporto consentita fino alle ore 22.00.

SOSPENSIONE ATTIVITA COMMERCIALI AL DETTAGLIO E MERCATI
Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività.
Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.
Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.
Chiusi i centri estetici.