home > news > NEWS > MODIFICHE ALLE NORME PER IL CONTRASTO, PREVENZIONE, RIDUZIONE DEL RISCHIO DELLA DIPENDENZA DAL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

MODIFICHE ALLE NORME PER IL CONTRASTO, PREVENZIONE, RIDUZIONE DEL RISCHIO DELLA DIPENDENZA DAL GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO

E' stata pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna la Legge Regionale 25 giugno 2018 n.8 che reca ulteriori modifiche alla Legge Regionale 4 luglio 2013 n. 5 per il contrasto, la prevenzione, la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d'azzardo patologico, nonchè delle problematiche e delle patologie correlate.
Le Legge che entrerà in vigore il 26 gugno 2018, interviene sulle modalità applicative del divieto di esercizio di attività legate al gioco d'azzardo entro 500 metri dai luoghi sensibili come istituti scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori.
Il divieto di esercizio per le sale da gioco e le sale scommesse viene esteso anche ai punti di raccolta scommesse. L'inosservazione del divieto è punita con la chiusura dell'esercizio e con una sanzione amministrativa pecuniaria da 5.000,00 a 9.000,00 euro.
Sono esclusi dall'applicazione del divieto gli sportelli degli allibratori all'interno degli ippodromi limitatamente alle scommesse relative alle corse dei cavalli.
Il divieto di nuova installazione di apparecchi per il gioco d'azzardo viene esteso ad immobili concessi da enti pubblici a terzi il locazione, in comodato, in uso o a qualunque diverso titolo, anche gratuito, per fini sociali ed aggregativi rivolti ad anziani, a minori o a soggetti appartenenti a categorie protette. L'inosservanza del divieto comporta una sanzione amministrativa pecuniaria di 9.000,00 euro per ogni apparecchio e la chiusura mediante sigilli. Nel caso di reiterazione, la sanzione prevede la sosponsione temporanea dell'esecizio dell'attività da 10 a 60 giorni.

Per tutti i dettagli sulla nuova Legge Regionale,potete cliccare qui.