home > associazioni > ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA > AGENTI DI COMMERCIO FNAARC > NEWS > ENASARCO LE ALIQUOTE 2015

ENASARCO LE ALIQUOTE 2015

Interessati sia i contributi che i massimali provvigionali.
Il regolamento Enasarco approvato nel 2012 ha previsto un progressivo aumento sia dalla percentuale contributiva - fino a raggiugere il 17 per cento nell'anno 2020 -, sia dei massimali provvigionali (che aumenteranno gradualmente fino al 2015).Nello specifico, per l'anno in corso la percentuale contributiva è del 14.65 per cent, di cui il 7.325 per cento a carico dell'agente e il 7.325 per cento a carico del mandante. I massimi provvigionali, sempre per il 2015 sono invece i seguenti:
-Agente plurimandatario: il massimale provvigionale annuo per ciascun preponente è pari a 25000 euro;
-Agente monomandatario: il massimale provvigionale annuo è pari a 37500 euro.
Il minimale contributivo annuo (cioè l'importo minimo di contributi previdenziali da versare alla Fondazione, a condizione che in almeno un trimestre siano state corrisposte provvigioni) sia per i pluri che per i monomandatari verrà comunicato successivamente una volta che saranno rivalutati quelli per l'anno 2014 che erano rispettivamente di 417 e 834 euro. I parametri di cui sopra dovranno essere applicati a partire dalle provvigioni relative all'anno 2015, pertanto non si applicano a provvigioni relative all'anno 2014 anche se fatturate nel 2015. Il nuovo regolamento introduce l'obbligo per le mandanti di comunicare le provvigioni maturate anche dopo il raggiungimento del massimale, senza ulteriore obbligo di contribuzione ma al solo scopo di permettere alla Fondazione di effetturare una migliore previsione delle entrate contributive. L'omessa comunicazione è sanzionata con 250 euro per ogni agente a cui si riferisca l'inadempienza. Nessuna variazione è stata introdotta per quanto riguarda la scadenza per il versamento dei contributi. Il contributo previdenziale si calcola su tutte le somme dovute a qualsiasi titolo all'agente anche se non ancora pagate. Pertanto, il riferimento trimestrale deve essere considerato per competenza e non per cassa, essendo ininfluente il momento del pagamento.