home > associazioni > ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA > AGENTI DI COMMERCIO FNAARC > NEWS > TRASFORMAZIONE DELL’ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA:

TRASFORMAZIONE DELL’ASSEGNO ORDINARIO DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA:

 

L’assegno ordinario di invalidità, riconosciuto a causa di un’infermità, ha una durata massima di tre anni ed è rinnovabile dall’interessato; se viene confermato per tre volte, trascorsi quindi 9 anni, diventa definitivo. L’ordinamento prevede che l’assegno ordinario di invalidità si trasformi in pensione di vecchiaia al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla nuova Legge 214/2011 (Legge Monti–Fornero).

L’importo della pensione trasformata da assegno ordinario di invalidità in pensione di vecchiaia non potrà essere inferiore a quello dell’assegno in pagamento al momento della trasformazione. Inoltre l'importo della pensione di vecchiaia, calcolato secondo le norme comuni, deve essere posto a confronto con l'importo dell'assegno di invalidità. La pensione di vecchiaia sarà quindi Costituita dal maggiore dei due importi.

La trasformazione da assegno ordinario a pensione di vecchiaia comporta due vantaggi da non trascurare:

 1) Il pensionato potrà cumulare senza alcun limite la pensione con eventuali redditi da lavoro sia dipendente sia autonomo. L’assegno di invalidità è infatti cumulabile solo parzialmente con eventuali redditi da lavoro attraverso un meccanismo di decurtazione della pensione stessa.

 2) In caso di decesso del pensionato, gli eredi avranno diritto alla pensione di reversibilità.

L’assegno di invalidità non è infatti reversibile nei confronti degli eredi. Questi ultimi in caso di decesso del lavoratore titolare di AOI, dovranno verificare la sussistenza dei requisiti contributivi per la pensione indiretta.

La trasformazione della pensione di invalidità in pensione di vecchiaia avviene automaticamente senza la necessità di presentare la domanda. Sarà compito dello stesso Istituto che, al momento dell’età pensionabile, dovrà verificare la sussistenza dei requisiti contributivi (20 anni) e, in caso di accertamento positivo, a provvedere alla trasformazione dell’assegno. In alternativa va presentata la domanda di trasformazione entro 120 giorni dal raggiungimento del requisito d’età previsto.

I periodi di godimento dell'assegno per i quali non è stata prestata attività lavorativa devono essere considerati utili ai fini del perfezionamento dei requisiti di contribuzione e di assicurazione.

Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre in via del tutto gratuita la consulenza e l’assistenza necessaria. Le sedi si trovano a Piacenza (Strada Bobbiese 2, Tel.: 0523 461831-32-39), Castel san Giovanni (Via F.lli Bandiera 31, Tel:3929014100), Fiorenzuola d’ Arda (Via San Fiorenzo 47, Tel:0523/247232) e Bobbio (Piazza San Francesco 5, Tel:338/9292498).