home > news > STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE - EMERGENZA CORONAVIRUS > UNICREDIT A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E PRIVATI

UNICREDIT A SOSTEGNO DELLE IMPRESE E PRIVATI

Unicredit a sostegno alle Imprese, famiglie e di aiuto a singoli cittadini in difficoltà ha sviluppato le seguenti proposte economiche  per l’emergenza Covid-19:

Ai clienti Privati:

  •   moratoria (onerosa) di 12 mesi sulle rate dei mutui con sospensione della sola quota capitale. Operatività consentita anche con registrazione telefonica o scambio documentale via mail.
  •   azzeramento delle commissioni di prelievo su circuito Bancomat presso gli ATM non UniCredit
  •   rafforzamento dei servizi di consulenza a distanza, che consentono ai clienti di non recarsi in una filiale fisica, mettendo a loro disposizione un team di consulenti a distanza raddoppiato.
  •   Anticipo CIG

Ai clienti PMI, oltre alle misure annunciate dall'Associazione Bancaria Italiana, e pienamente in linea con il Decreto “Cura Italia”:

  •   Finanziamenti aggiuntivi, pari ad almeno il 10% dell'utilizzato in essere, attraverso la rinegoziazione e/o il consolidamento del debito e con la garanzia del Fondo Centrale di Garanzia.

 Agli altri clienti Imprese: 

  •   Finanziamenti a medio-lungo termine: sospensione del rimborso della quota capitale delle rate per 3-6 mesi, con possibilità di proroga fino a un massimo di 12 mesi;
  •   Proroga delle linee di import fino a 120 giorni, finalizzata a supportare la gestione del capitale circolante;
  •   Concessione di linee di credito di liquidità con durata sino a 6 mesi
  •   Moratoria con sospensione del pagamento del capitale riferito ai canoni leasing fino a 12 mesi, previa valutazione sull'effettivo danno subito.

Ai clienti PMI e Mid-Cap:

  •   Attraverso il plafond dedicato da 1 miliardo di euro, UniCredit offre finanziamenti a breve termine (fino a 18 mesi), garantiti da SACE SIMEST, per far fronte alle esigenze di capitale circolante in relazione alle attività di export e internazionalizzazione.

Per maggiori informazioni invitiamo a contattare l'istituto bancario.